Come scegliere il cibo più adatto per il cane

Se sapete quali sono le informazioni da richiedere, le giuste domande da fare e a chi, allora non avrete esitazione nello scegliere il cibo più adatto per il vostro amico a quattro zampe.

Gran parte dello stato di salute del cane dipende dalla sua dieta e, per questo, ci sono molti fattori da tener presente nella scelta del cibo più idoneo alle sue esigenze alimentari. I principali sono i seguenti:

  • Fornire molta energia
  • Contribuire a mantenere un apparato digerente sano
  • Assicurare un manto lucido e sano

La verità è che, raggiungere questi obiettivi, richiede equilibrio ed armonia fra i diversi aspetti che concorrono nella scelta del cibo più adatto al vostro cane.

Chiedete consiglio al veterinario e ad altri esperti

Se esiste una persona al mondo che conosce al meglio le esigenze del vostro Fido, questa è proprio il veterinario. La prossima volta che portate il cane in clinica, prendetevi del tempo per fargli delle domande riguardo le specifiche esigenze alimentari del vostro amico a quattro zampe.

Il veterinario è in grado di dirvi se il cane ha bisogno di una dieta specifica e vi consiglierà un piano nutrizionale adatto. Se Fido soffre di qualche allergia di tipo alimentare, il veterinario provvederà a sottoporre il cane ai test del caso.

Se il vostro cane appartiene ad una razza particolare con esigenze altrettanto specifiche, il veterinario vi darà delle direttive su quali sono i cibi da evitare e quelli da includere nella dieta.

I consigli del veterinario, però, costituiscono solo le fondamenta del vostro "apparato cognitivo", sul quale dovrete poi poggiare i vostri mattoncini della conoscenza. Non aspettatevi che il veterinario vada molto nel dettaglio con la sua consulenza, a meno che non siate voi a porgli le giuste domande.

Chiedetegli opinioni su quando preferire il cibo secco a quello umido, il preparato al crudo, e consigli su quale marca scegliere. Sondate anche la sua conoscenza sui valori nutrizionali degli ingredienti e delle vitamine e che relazione c’è fra questi e la razza al quale appartiene il vostro cane.

Chiedete più consigli ai professionisti e agli amanti degli animali

Anche se il veterinario costituisce una preziosa fonte di informazioni, non potete aspettarvi che conosca e sia sempre aggiornato su tutte le varietà di cibo presenti sul mercato. Come abbiamo già detto, le sue informazioni sono solide fondamenta ma avrete bisogno di più dettagli per vedere il quadro completo.

Accrescere il vostro bagaglio di conoscenza vi permetterà di avere sempre nuove domande da fare non solo al veterinario, ma anche agli altri professionisti del settore o a semplici appassionati che incontrerete strada facendo.

Cercate assistenti alla vendita che siano amichevoli e disponibili, possibilmente sia amanti che padroni di cani. Molto probabilmente vi accorgerete che hanno già fatto le loro ricerche e saranno felici di condividerne i risultati con voi!

Pet store locali

Assicuratevi di chiedere non solo quali prodotti consigliano, ma quali nello specifico comprano loro stessi e perché.

Pet store specializzati

Se siete alla ricerca di cibi più naturali ed integrali, allora visitate diversi negozi specializzati (i cosiddetti boutique store) che offrono una grande varietà di alimenti ed iniziate a fare domande.

Nello specifico chiedete quali prodotti consigliano per il vostro cane e, soprattutto, perché.

Dopo aver chiesto consiglio in diversi negozi, quali similitudini avete riscontrato nei loro suggerimenti?

Non finite per comprare semplicemente quello che vi consigliano ma imparate a riconoscere quali sono gli ingredienti da includere o escludere dalla dieta del vostro Fido e a come conservarne al meglio la freschezza.

Portali specializzati nel pet food

Il miglior portale italiano specializzato nel petfood è sicuramente Petyoo.it. È una risorsa molto importante con tanti articoli e guide autorevoli scritti da veterinari professionisti!

Altre figure professionali

Col tempo incontrerete anche altre figure professionali come addestratori, toelettatori ed allevatori ed è sempre bene cogliere queste occasioni per far loro delle domande. Non lasciatevi mai scappare un’occasione per raccogliere preziose informazioni che potete applicare al vostro caso.

Altre fonti di informazione

Quando incontrate altri amanti degli animali in un negozio, online o al parco…chiedete consigli!

Quale cibo scelgono per il loro cane? Se la risposta semplicemente è cibo comprato, chiedete se hanno mai pensato di acquistare alimenti naturali o di alta qualità e, se sì, quali.

Riflettete sulla qualità della domanda prima di farla

Lo scopo di chiedere consigli per gli acquisti non è quello di seguirli ciecamente fino alla cassa. Essere in grado di capire le ragioni dietro l’acquisto di questo o quell’altro prodotto è fondamentale per giudicarlo pertinente al vostro caso specifico o meno.

  • Vi suggeriscono un certo tipo di alimento solo perché costa poco ed al loro cane piace?

  • Sono consapevoli del contenuto del prodotto e di come viene preparato?

  • Hanno notato dei cambiamenti in positivo dopo essere passati ad un’altra marca?

Non chiedete consigli per poi buttarvi su un acquisto sbrigativo. Prendetevi il tempo che serve per cercare le risposte necessarie ad orientare il vostro acquisto.

Adesso che sapete a chi chiedere consiglio e quali tipi di domande vanno poste, prendiamo in esame i dettagli da includere nei vostri quesiti e perché.

Tenete sempre in considerazione l’età del vostro cane

Per prendere una decisione veramente ponderata il primo aspetto da tenere in considerazione è l’età del cane. Il cibo più adatto a Fido cambia con il tempo e le esigenze alimentari sono quindi diverse per ogni fase della sua vita.

Cuccioli

I cuccioli appena nati ed i cani con meno di 12 mesi sono in un costante stato di sviluppo. Hanno bisogno di un mix unico di proteine, carboidrati e calorie che serviranno a favorire uno sviluppo sano in età adulta. I loro dentini si sono appena formati, quindi non sono ancora in grado di masticare cibi duri e secchi.

Durante le prime settimane di vita sicuramente noterete che il vostro cucciolo è molto letargico e, probabilmente, anche molto curioso rispetto a tutto ciò che lo circonda, in particolare a quello che ingoia (che sia cibo o altro!).

Le probabilità che il vostro cucciolo dorma molto e non sia molto schizzinoso sono alte, ma voi invece dovrete imparare ad essere molto selettivi.

Nei mesi seguenti le prime settimane di vita vi accorgerete che il livello di energia del cucciolo è salito alle stelle! Appena i denti iniziano a formarsi, sarà il tempo di decidere se passare al cibo solido o integrale.

Anche il loro fabbisogno nutrizionale è in trasformazione, per poter soddisfare le crescenti esigenze del corpo e della mente.

Questo è anche il momento idoneo per prendere nota delle loro preferenze alimentari, perché le abitudini che assumono in questa fase della vita saranno difficili da modificare in futuro.

Da cuccioli a cani giovani

Anche se sembrano e si comportano ancora come cuccioli per diversi anni, noterete che la crescita comincerà a decelerare mano a mano che entrano nella fase giovanile. Poco dopo, si arresterà del tutto. Di sicuro andranno incontro a variazioni di peso, ma la struttura ossea rimarrà sempre la stessa.

Il fabbisogno energetico dei cani giovani in alcuni casi può essere anche superiore a quello della fase in cui sono ancora cuccioli, per questo è importante monitorare il livello dell’attività svolta e calibrare l’apporto calorico in modo da soddisfare queste esigenze.

Età adulta

La fase più lunga della vita di un cane è quella adulta e, anche se il corpo non cambia molto nell’aspetto esterno in questo periodo, sicuramente si verificano dei cambiamenti al suo interno.

Per questo dovrete cercare il mix ideale di proteine, vitamine e minerali che servono al vostro cane adulto per essere felice e stare in salute.

In questa fase le abitudini si consolidano ed i cani diventano molto più coscienti di quello che mangiano. Il livello di attività fisica andrà sempre più scemando e, quando ciò avviene, è importante regolare l’apporto calorico di conseguenza.

Cani anziani

Quando i cani invecchiano il loro corpo perde la capacità di rimanere funzionale (ad esempio guarendo da malattie) e di adattarsi ai cambiamenti dell’ambiente.

Quando il cane diventa anziano non sono solo le esigenze alimentari a cambiare, ma anche le sue abitudini. Se prima richiedeva un apporto calorico pressoché infinito, molto probabilmente adesso non farà che dormire.

Se prima carboidrati e calorie erano bruciati incessantemente, ora finiranno direttamente nel girovita di Fido!

Se state ancora nutrendo il cane con cibo solido e notate uno scarso interesse da parte sua, potrebbe trattarsi di un segnale che ci sono problemi ai denti. Quando invece gli somministrate cibo umido, noterete che le sue feci sono meno solide.

Non esiste una formula unica e vincente per tutti, quindi le abitudini alimentari del vostro cane devono essere regolate in base a come il suo corpo reagisce al cibo con cui lo nutrite.

Tenete presente che i cani sono di razze, taglie e forme fisiche diverse

Se credete che tutti i cani possano mangiare lo stesso cibo, vi sbagliate di grosso! Gli animali non sono diversi dall’uomo e, quindi, non raggiungono uno stato di salute ottimale mangiando sempre gli stessi identici alimenti per tutta la vita.

È ovvio che tutte le razze hanno bisogno di un certo apporto di proteine, carboidrati, fibre, vitamine e minerali nella loro dieta ma queste quantità variano sensibilmente di cane in cane.

La razza non è l’unico fattore determinante nello stabilire il fabbisogno nutrizionale del cane, ma lo sono anche la taglia, la costituzione fisica ed il livello di attività.

I Rottweiler ed i Bulldog, ad esempio, tendono ad essere molto muscolosi mentre altre razze sono di corporatura più snella o "paffutella".

I cani muscolosi normalmente hanno un metabolismo più veloce ma, in alcuni casi, anche razze più magre. Certi cani sono più grassottelli perché prendono peso più facilmente mentre per altri è…..semplicemente questione di charme.

Il punto è che ogni cane è unico e diverso e la dieta va regolata in base alle specifiche esigenze nutritive. Se non si fa attenzione alla dieta già dalle prime fasi dello sviluppo, in futuro possono insorgere problemi come allergie, artriti e diabete.

Indipendentemente dalla taglia e dalla razza però, è importante che la dieta sia caratterizzata da un apporto bilanciato di nutrienti, per mantenere il pelo e la pelle del cane in salute, favorire lo sviluppo delle ossa e l’efficacia del sistema immunitario.

Se ci sono problemi a livello cutaneo, osseo o immunitario, è molto probabile che la causa sia da ricercare nella dieta.

Fate attenzione al livello di attività fisica e allo stato di salute

L’alimentazione di Fido avrà un ruolo fondamentale nel determinare il suo stato di salute generale ed è importante monitorare ogni variazione che può essere ricondotta alla dieta, regolandola di conseguenza. In questi casi il consiglio del veterinario è ciò a cui dovete fare maggior affidamento, la fonte d’informazione più autoritaria.

Anche la forma fisica ed il livello di attività sono fattori determinanti nella scelta degli alimenti da includere o escludere dalla dieta di Fido. Non ci si può aspettare che un cane dall’indole pigra bruci gli stessi carboidrati e le stesse calorie di un cane attivo.

Se notate un’insolita diminuzione del livello di attività fisica, non esitate a cambiare l’alimentazione e, se le cose migliorano, è molto probabile che la pigrizia fosse da ricondurre a cibo non idoneo alla dieta.

Siate consapevoli della taglia e del peso del cane

Non tutti i cani mangiano le stesse quantità o la stessa tipologia di cibo. Così come noi umani, ogni cane ha le sue preferenze ed i suoi gusti, dai quali dipendono le sue abbuffate!

La differenza con gli umani, però, è che i cani non sono coscienti del loro corpo. Non si accorgono di essere grassi guardandosi allo specchio per poi cambiare le abitudini alimentari.

Quasi sempre, se mettete di fronte al cane una pietanza di cui va ghiotto, la mangia senza esitazione!

Dovete essere voi la voce della ragione e difenderli dall’obesità. Il veterinario può darvi consigli sul peso-forma del vostro cane ed è bene seguire questi consigli.

Il prezzo NON È tutto

Non è da sottovalutare il fatto che in molti casi sia il prezzo a determinare la scelta dei padroni nell’acquisto di cibo per cani. Se anche per voi è così, allora gli alimenti crudi o gourmet di sicuro sono fuori questione.

La cosa importante è prendere una decisione consapevole e non lasciare che sia solo il prezzo a determinare la vostra scelta.

  • Il prezzo basso non è sempre sinonimo di bassa qualità

  • Il prezzo alto non sempre significa che l’alimento è idoneo per il vostro cane

Per risparmiare dovreste o cercare fra le offerte o fra i prodotti a prezzo più ragionevole. Prima di concludere l’acquisto però, è bene che sappiate esattamente che cosa state comprando.

Imparate a leggere le etichette e gli ingredienti

Esistono talmente tanti brand sul mercato che è praticamente impossibile conoscerli tutti. Se volete veramente capire il contenuto dell’alimento e se sia adatto o meno al vostro Fido, dovete guardare all’etichetta e non alla marca.

È ovvio che i produttori cercano di distrarvi e manipolarvi con strategie di marketing e foto di cani felici ma è importante abituare la mente ad analizzare il contenuto del pacco e non fermarsi all’apparenza.

In Italia gli ingredienti contenuti nel cibo per cani sono elencati in ordine di peso, dal più pesante al più leggero. Quindi, se volete sapere di che cosa è costituito principalmente l’alimento, vi basterà leggere i primi ingredienti della lista.

  • Derivati – Se sapete di cos’è fatto un hot dog allora sapete anche che cosa sono i derivati della carne e che non sono affatto nutrienti. Se comprate cibo per cani molto economico allora questo è proprio ciò che state comprando.

  • Sodio – Si tratta di sale, puro e semplice. Se è uno dei primi ingredienti della lista allora è molto probabile che il vostro cane sia spesso assetato e disidratato. Se già vi siete accorti di questo problema è meglio scegliere un altro alimento.

  • Cereali – Significano glutine. Alcuni cani hanno una reazione allergica al glutine, altri invece manifestano l’intolleranza semplicemente con la letargia e la pigrizia. Se tutto ciò vi suona familiare, cominciate ad acquistare prodotti gluten-free.

  • Grassi – Sì, è proprio il grasso. Se il vostro cane non è ha un particolare bisogno, assicuratevi che sia uno degli ultimi ingredienti della lista.

  • Acqua — Per farla semplice, cibo umido. Se l’acqua è uno dei principali ingredienti della lista, allora significa che l’alimento è molto umido. Il contenuto di acqua ovviamente non è un fattore negativo di per sé ma assicuratevi che non sia semplicemente un trucchetto per farvi credere che l’alimento sia molto completo.

Imparate a scegliere fra cibo secco e umido

In questo caso entrano in gioco due fattori determinanti che non troverete riportati su nessuna confezione. Essere al corrente di questi fattori significa che andranno ad influenzare la vostra scelta fra queste due tipologie di alimento.

  • I padroni spesso scelgono il cibo secco perché costa poco ed è di facile gestione

  • Il cibo in scatola (umido) si rovina molto velocemente e non è consigliabile se ad esempio il cane è lasciato da solo in casa per molto tempo.

Il vostro veterinario può darvi consigli molto preziosi ma la scelta finale spetterà a voi e a Fido.

Cibo secco

La prima qualità che viene in mente quando si pensa al cibo secco è "facile da gestire". Si mette nella ciotola ed il cane lo divora!

Se combina un casino, è facile da ripulire. Se lo lascia nella ciotola per tutto il giorno, la sera avrà lo stesso aspetto e sapore.

Se ne può comprare una grande quantità e riporla per un lungo periodo e se ha una texture grezza, molto probabilmente aiuterà anche a tenere puliti i denti del cane.

Il cibo secco dunque è l’alimento più semplice da somministrare e, per la maggior parte dei cani, è tutto quello di cui hanno bisogno. Ma…è la scelta migliore e più salutare? Molto probabilmente no e, se leggete bene le etichette e fate acquisti consapevoli, allora è molto probabile che sappiate quali sono le qualità degli alimenti che comprate.

Tenete sempre presente che il cibo secco non contiene acqua, quindi bisogna sempre lasciare una ciotola piena d’acqua per Fido a disposizione mentre mangia.

Le crocchette possono essere ammorbidite lasciandole per un pò in acqua (metodo efficace soprattutto per i cani anziani con problemi ai denti) oppure si possono mischiare con il cibo umido per renderle più appetibili.

Cibo umido

Anche se non richiede necessariamente molta attenzione, di sicuro è un pò più complicato da gestire. Ah….e sporca ed odora di più!

Inoltre, non lo si può lasciare nella ciotola per tutto il giorno. Appena si apre la scatoletta bisogna darla subito al cane. Se invece non gliela date tutta, sigillate bene il restante contenuto e riponete la scatoletta in frigo. Meglio ancora sarebbe rimuovere il restante contenuto dalla confezione prima di metterlo in frigo in un contenitore ermetico (meno aria passa e meglio è).

Ad ogni modo la scatoletta aperta non andrebbe lasciata in frigo per più giorni. Se ne aprite una assicuratevi di consumarla entro lo stesso giorno.

Se associate il cibo umido all’acqua, fate bene.

I migliori alimenti umidi sono ben idratati e contengono un alto livello di acqua. In effetti, se leggete l’etichetta vi accorgete che l’acqua è uno dei primi ingredienti sulla lista.

Quando aprite una scatoletta, la prima cosa che "vi salta al naso" è il forte odore. E’ molto probabile che Fido fiuti subito l’odore ed inizi ad annusare l’aria. Se il cane è particolarmente attirato dall’odore dell’alimento, è un buon segno perché significa che lo finirà tutto.

Un lato negativo del cibo umido è che spesso contiene meno calorie del cibo secco. Alcuni esperti ritengono anche che col passare del tempo questo perda i valori nutrizionali, quindi è sempre bene verificare la data di scadenza.

Imparate a scegliere fra cibo crudo o Gourmet Whole Food

Se optate per il gourmet sappiate che ci sarà un sovrapprezzo da pagare ed è per questo che è bene sapere per cosa si sta pagando effettivamente.

In poche parole, (pensate al) cibo per consumo umano.

Gli ingredienti presenti nella lista di un alimento Premium per cani dovrebbero essere molto simili a quelli di un prodotto biologico o naturale per consumo umano. Se vi accingete a comprare un alimento economico e privo di ingredienti naturali, state attenti a non pagarlo più del dovuto.

  • Integrale (o Whole Food) — Con questo termine si intende l’opposto di "derivati" e, se si trova in cima alla lista degli ingredienti, allora l’etichetta gourmet è fedele al contenuto. Se invece non trovate questo termine nella lista, non sprecate i vostri soldi.

  • Prodotto – contrario di "sottoprodotto" – è una differenza sostanziale che giustifica l’altrettanta differenza di prezzo.

A meno che non facciate shopping in un quartiere chic, non credete di poter trovare questi prodotti in un normale supermercato. Anche i pet store più forniti spesso non hanno prodotti di altissima qualità.

Gli alimentari e le catene di negozi sono forniti esclusivamente di ciò che si vende — e la merce che costa poco è quella che si vende di più.

Se volete davvero conoscere ed acquistare alimenti gourmet, allora dovete andare nei negozi specializzati, I cosiddetti "boutique store". Qui vi daranno tutte le informazioni di cui avete bisogno e, se siete fortunati, anche intere lezioni su come leggere le etichette dei prodotti.

Questi negozi di solito hanno anche cibo per cani preparato artigianalmente con prodotti locali, realizzati da persone che hanno premura di usare ingredienti sempre freschi.

Allora vi chiederete…il prezzo è proporzionale alla cura? Sicuramente sì! Ma, anche nel caso in cui non possiate permettervi di acquistare questi alimenti, almeno sapere di cosa sono fatti vi aiuterà ad orientare meglio la vostra scelta fra i brand più economici.

Se vi interessa sapere come preparare in casa piatti gourmet per il vostro Fido, copiare le ricette degli alimenti premium è sicuramente un buon punto di partenza.

Controllate la freschezza della merce e la data di scadenza

Anche se può sembrare scontato, quante persone avete effettivamente visto controllare la data di scadenza del cibo per cani, specialmente quello secco?

E voi? Avete mai fatto caso alla data di scadenza? Se la risposta è no è ora di iniziare a farlo!

Consumare entro la data di scadenza

Quella che credete sia la data di vendita consigliata è in realtà la data entro la quale si consiglia il consumo del prodotto e sia il cibo umido che secco hanno una scadenza prolungata. Pensate a quando comprate una zuppa in scatola o dei biscotti, se la data di scadenza è vicina semplicemente rimettete il prodotto a posto e ne prendete un altro.

Se ancora non sapete che la maggior parte dei negozi mette i prodotti più prossimi alla scadenza in prima fila (o comunque in una posizione facile da raggiungere) e quelli più "freschi" sul retro (difficili da raggiungere), adesso lo sapete.

Questa è una delle prime regole del marketing e si applica a tutti i prodotti, dal pane ai formaggi, non solo al cibo per animali. Le persone pigre di solito non ci fanno caso e tendono a prendere il prodotto che si trovano di fronte per primo, credendo che sia quello più fresco….e di solito si sbagliano!

Integrità della confezione

E’ anche importante verificare l’integrità della confezione. Non abbassate i vostri standard solo perché si tratta di cibo per cani.

Di sicuro non comprereste un barattolo di verdure ammaccato o confezioni con scritte ed etichette vecchie, staccate o sbiadite quindi….fate lo stesso con i vostri amici a 4 zampe.

La qualità è qualità quindi, se state pagando di più per averla, voi e Fido dovete pretenderla!

Mantenere la freschezza

Non trattate le confezioni in maniera disattenta e trasandata quando le riportate a casa. Sapete bene cosa succede ai cereali se il pacco viene lasciato aperto e viene a contatto con l’umidità quindi, ricordatevi sempre di sigillare la confezione.

Sapete che il cibo in scatola va conservato in luogo fresco ed asciutto e la stessa regola vale per la pappa di Fido.

Se avete aperto la confezione ma non la finite, mettete il rimanente in un contenitore ermetico e riponetelo in frigo, esattamente quello che fareste con i vostri avanzi.

State attenti a possibili allergie e problemi di digestione

Fidatevi del cane e a come il suo corpo risponde al cibo con cui lo nutrite, per capire se c’è qualcosa che lo disturba.

Se il vostro cane è allergico a qualcosa o semplicemente non riesce a digerire bene quello che gli date, ve ne accorgerete dai cambi di aspetto e personalità.

Siamo quello che mangiamo e questo detto non si applica solo a noi esseri umani!

Gli occhi che luccicano, i denti sensibili, il pelo o la pelle in cattivo stato potrebbero essere segni di qualcosa che non va con l’alimentazione. Altri problemi come repentini cambi di umore, calo dell’attenzione, continuo grattarsi o calo di attività fisica, possono essere ricondotti ad un apporto calorico sbilanciato…quindi fate attenzione a questi campanelli d’allarme.

Altra "cartina tornasole" è l’attività dell’intestino….di sicuro vi accorgerete che c’è qualcosa che non va se il cane anziché andare al bagno come al solito vi lascia un ricordino sul tappeto!

Ciò non vuol dire che non debba esserci un periodo di adattamento ma, se lo stomaco di Fido continua a rifiutare quello che gli date, allora è molto probabile che sia necessaria una variazione della dieta.

Tenetevi costantemente informati

Non pensate che si diventi esperti in materia semplicemente leggendo qualche articolo ed imparando a leggere le etichette. La conoscenza richiede continuo raffinamento e il processo di apprendimento è sempre fatto di tentativi ed errori.

Con il passare degli anni ed il conseguente invecchiamento del cane, vedrete che quello che prima era vero ora non lo è più. Basta essere capaci di affinare costantemente il processo di selezione del cibo, per non trovarsi mai impreparati di fronte al cambiamento.

Fate partecipare Fido ad ogni decisione

Non scordatevi di includere il cane e la sua salute nelle decisioni che prendete riguardo la sua dieta. In fin dei conti sono i fattori più importanti che orienteranno le vostre scelte.

Fate caso alle reazioni positive

Anche le reazioni positive sono un fattore molto importante nella scelta del cibo più idoneo per Fido e, quando avrete finalmente trovato quello che gli piace, ve lo farà notare in mille modi.

  • Vogliono mangiare non appena li servite?
  • Sono felici ed entusiasti durante la pappa?
  • Vi sembra che abbiano più energia e voglia di muoversi?
  • Il pelo è più lucido? Sembrano e sono più in salute?
  • Sono più felici e più giocosi?

I consigli che prenderete altrove saranno utili alle vostre decisioni ma, alla fin fine, l’ultima "parola" spetterà sempre a Fido.

Ricordatevi che sarà lui a mangiare ciò che gli mettete di fronte e, quando avrete trovato l’alimento che gli garantisce un perfetto equilibrio fra nutrizione e gusto, ve lo farà notare come meglio può.

Infine, non abbiate paura di fare marcia indietro e chiedere di nuovo

Solo perché avete già chiesto un consiglio, non significa che non possiate chiederlo di nuovo.

Dopo aver raccolto informazioni sugli alimenti più idonei per il vostro Fido, non abbiate paura di riparlare con tutti quelli con cui avete parlato in precedenza e fare "il punto della situazione".

Se avete fatto ricerche approfondite su come scegliere il cibo per il vostro amico a 4 zampe, probabilmente vi sentirete un pozzo di conoscenza ma le vostre opinioni potrebbero non essere del tutto vere.

Non fate l’errore di ritenere la vostra conoscenza infallibile….chiedete sempre un feedback.

Se da questo feedback sulle vostre convinzioni scaturiscono reazioni negative ed avvertimenti, allora fate tesoro di questi consigli e riformulate le vostre opinioni di conseguenza.

Considerazioni finali

Infine, chiedetevi e "chiedete" a Fido tutti i giorni se siete sulla strada giusta.

La vostra riflessione ed il modo in cui si rispecchia negli occhi di Fido di sicuro vi porterà sulla buona strada a lungo andare.