Durante questi giorni di ottobre 2019 il CEO di Sony Interactive Entertainment ha confermato l’esistenza di una prossima uscita della PlayStation 5. Ormai adottata anche da casa Sony l’abbreviazione del nome ci si aspetta l’uscita ufficiale marcata PS5.

Confermando quanto detto prima, grazie anche alle dichiarazioni di Jim Ryan (Sony Interactive Entertainment) e di Mark Cerny (responsabile architettura nuova console), l’imminente evento non è solo un rumor ma del tutto ufficiale. Come di consueto verrà rilasciata anche in Italia con qualche ritardo rispetto agli Stati Uniti, con una data prossima forse intorno a Natale 2020. Mark Cerny si sta occupando del suo sviluppo addirittura sino dal 2015 e ha smentito novità per l’anno in corso.

Unico tasto che potrebbe essere un pò dolente è proprio il prezzo che potrebbe essere maggiore rispetto a quello di lancio della PS4 a causa di lettore 4K Blu-Ray integrato, upscaling per riproduzioni in 8K, lettore ottico e hardware ai massimi livelli. Ovviamente si parla anche di retrocompatibilità con PS4 sia digitale sia fisico tramite CD, ma una notizia di un progetto trapelato menziona una possibilità anche con i modelli precedenti persino con la pluripremiata PS1.

Tale brevetto permette inoltre agli sviluppatori di poter rimasterizzare videogiochi sostituendo comparto grafico e sonoro in men che non si dica. Riguardo questa capacità quindi sarà possibile, oltre che giocare con i giochi di PS4-PS3-PS2-PS1, anche il cross-play con chi possiede ancora la PS4.

La Epic Games dal punto di vista della grafica ha già presentato agli sviluppatori la Unreal Engine 5 supportando inoltre il Ray Tracing, l’illuminazione dinamica ancor più precisa e puntuale su rifrazione o riflessi che filtrano dai vetri o specchi d’acqua. Spostandoci ora sui videogiochi in attesa con PS5, avremo a disposizione probabilmente alcune remastered e molti titoli attesi da tanti mesi dagli appassionati. Tra questi riconosciamo The Last of Us: Part II, uno dei titoli che riscosse più successo ed ovazioni nel suo precedente capitolo, Horizon Zero Dawn 2, Red Dead Redemption 2 Remastered, Bloodborne 2, Final Fantasy VII Remake, Harry Potter e tantissimi altri.

Per quanto riguarda l’hardware Sony collaborerà con la casa statunitense AMD vantando CPU e GPU ben sopra la media. Addirittura si parla di una potenza grafica di ben 14 TFLOPS spingendosi in questo modo oltre il doppio di una Xbox One X e più in alto di una macchina di Google Stadia, adottando una scheda di memoria SSD ben superiore a quella di un PC.

Mark Cerny ha dimostrato il tutto tramite un esempio confrontando il tempo che impiega Marvel’s Spider-man a caricarsi su PS4 Pro e PS5 con un lasso di tempo rispettivamente di 15s e 0,8s. Una curiosità molto allettante riguarda il DualShock 5, i controller marca Sony.

Innanzi tutto i pulsanti R2 e L2 saranno adattivi in modo da avere diversi livelli di pressione e resistenza e di interazione in base ai desideri optati dagli sviluppatori. Nel senso che riusciremo a distinguere la potenza di fuoco di un’arma dalla pressione da esercitare. Inoltre Il feedback aptico sarà molto differente dalla classica vibrazione del controller stesso infatti se saremo sul ghiaccio con le levette analogiche avremo la sensazione di scivolare mentre sul fango si sentirà una resistenza quasi bloccante.

Dal punto di vista dell’aspetto fisico del controller non subirà grosse modifiche rispetto al DualShock 4. Vere e proprie immagini quindi di controller e dev-kit non sono ancora date a sapere ma, in base ad alcuni render depositati in Giappone e Brasile, ci sono rumor riguardanti le loro forme definitive sempre che Sony non abbia volontariamente voluto fare dei test per poi cambiare in fase di lancio del proprio prodotto.

Jim Ryan nel suo commento del rilascio non da modo di pensare alla possibilità di avere un modello potenziato della PS5 definendola già al migliore delle prestazioni possibili, cosa invece accaduta con la PS4 Pro che era stata rilasciata esclusivamente per il lancio degli schermi 4K sul mercato. Probabilmente visto che Sony punta moltissimo sulla realtà virtuale, si potrebbe assistere al lancio di una nuova generazione di Playstation VR, oltre ad essere compatibile con il precedente.

Nella fattispecie avremo a disposizione un visore di più alta risoluzione e videogiochi ancor più realistici. Nuovi sviluppi si avranno anche per l’account Plus che diventerà Premium ad un costo maggiore grazie all’accesso a versione alpha e beta di nuove uscite e di creazioni di sessioni personalizzate per limitare il più possibile ping e lag. I giocatori ed appassionati di PS4 potrebbero però avere delle remore riguardo riparazioni della propria console visto l’imminente approdo della nuova ormai realtà targata Sony nel prossimo 2020.

Possono comunque stare tranquilli dal momento che su siti come dedoshop.com i tecnici e la loro preparazione permetteranno la riparazione di qualsivoglia problema legato alla console entro 24 ore dall’arrivo nei loro laboratori. Tale riparazione è assicurata per guasti tipici della console in questione come ad esempio led bianco lampeggiante, lettore cd rotto, porta HDMI mal funzionante e viene ampiamente testa prima della spedizione godendo di una garanzia di 12 mesi per qualsiasi guasto delle parti sostituite.

Inoltre vantano una grande esperienza e professionalità nella soluzione di guasti sia a livello hardware sia firmware. Andiamo ad analizzare un pò più nello specifico i servizi offerti da dedoshop.com quali guasto generico (preventivo di riparazione prima dell’intervento), porta HDMI (sostituzione porta nuova più resistente), led bianco (nuovo circuito video), lettore cd PS4, mancata sincronizzazione controller (nuovo modulo per wifi e connessione DualShock) e problemi inserimento disco (nuovo circuito elettrico e meccanico del lettore).

In definitiva possiamo affermare che una nuova era di console next-gen sta per approdare nel nostro quotidiano e sicuramente la PS5 la fa da padrona con le sue caratteristiche innovative, il parco ludico che vanta nelle prossime uscite e la possibilità di coinvolgimento a trecentosessanta gradi grazie all’alta risoluzione in 8K.