hair-248050_1280_800x533

Le terapie ufficiali contro la calvizie danno realmente dei risultati? Non è una domanda tanto insolita tra chi soffre di alopecia androgenetica, ossia la calvizie comune. Anche perché quando inizia quella progressiva e apparentemente inarrestabile caduta di capelli molte persone cadono nello sconforto e dubitano che i rimedi promossi siano efficaci.

Alopecia androgenetica: si può curare?

Oggi voglio proprio parlarvi di questo, cercando di chiarire se le terapie ufficiali funzionano, oppure no, nell’arrestare la caduta dei vostri preziosi capelli. Se invece le vostre conoscenze sulla calvizie sono ancora basilari, sul sito a tema calviziehelp.it troverete una guida che spiega cos’è l’alopecia androgenetica in modo molto approfondito.

Il problema vero sapete qual è? È che online si possono trovare così tante informazioni da perdersi. Spesso recensioni che si contraddicono, notizie poco chiare. A voi giustamente sale la confusione e l’ansia e così non sapete più cosa pensare.

La verità è che spesso sale la sfiducia nel leggere che la calvizie può essere curata se voi fino a oggi non avete ottenuto risultati soddisfacenti. Vediamo perciò i tre fattori principali da tenere in considerazione riguardo le terapie ad oggi esistenti per curare la calvizie comune.

  1. L’alopecia androgenetica può essere curata ma solo quando è presa in tempo, prima che abbia raggiunto dei livelli gravi. Cioè dopo che l’alopecia ha già fatto danni importanti. Tuttavia però, anche quando le stempiature sono già evidenti, esiste ancora la possibilità di “tornare indietro”.
  2. Non tutti reagiscono allo stesso modo. Ci sono persone che iniziando ad assumere farmaci come Minoxidil e Finasteride vedono i capelli ricrescere mentre altri, possono ottenere il comunque più che soddisfacente risultato di arrestare il problema. Ciò non significa però che può funzionare a tutti ma, chi lo prende in tempo, ha davvero buone possibilità.
  3. I farmaci ufficiali sono più efficaci degli integratori? Secondo i vari studi condotti in merito sembra proprio di si. Se prendiamo il Finasteride per esempio e lo paragoniamo al Serenoa Repens, vediamo che il primo ha un 70% di riuscita contro il 40% del secondo.

Quali sono i farmaci riconosciuti?

Gli studi volti a risolvere il problema dell’alopecia androgenetica si muovono verso tre direzioni specifiche. Da una parte c’è la riduzione del DHT sul follicolo pilifero, che è l’obiettivo principale. Dall’altra c’è la stimolazione della crescita e il rafforzamento dei capelli e infine, combattere le infiammazioni che colpiscono il cuoio capelluto.

Di seguito i punti salienti di tali terapie:

Finasteride

Uno dei farmaci più utilizzati è Finasteride ed è anche il più efficace. Svolge un’azione diretta contro il DHT inibendo l’alfa 5 reduttasi, cioè l’enzima che si occupa di convertire il testosterone in DHT. Il dosaggio riconosciuto è di 1 mg al giorno ed è sufficiente per ridurre di circa il 70% la produzione di diidrotestosterone. Pensate che è possibile recuperare usandolo fino a 2 gradi della scala di misurazione della calvizie.

Minoxidil

Il più famoso invece tra quelli che stimolano la ricrescita è il Minoxidil. Questo principio attivo è particolarmente noto fin dal 1980 ed è una sentinella importantissima della lotta contro la calvizie. Il farmaco inizialmente veniva utilizzato come anti ipertensivo. Durante l’uso alcuni pazienti notarono però una ricrescita di peli abbondante in varie parti del corpo ed ecco come ha dimostrato di poter promuovere la ricrescita.

Combattere l’infiammazione

Per concludere ci sono i farmaci atti a contrastare l’infiammazione. Perché occorrono? Diversi studi sottolineano che l’alopecia androgenetica sia provocata in parte anche dal sistema immunitario. In pratica se la causa della sensibilità dei follicoli è provocata da DHT si pensa che nelle successive fasi della malattia sia il sistema immunitario a non riconoscere più i propri follicoli, portando a una specie di rigetto. Per contrastare queste situazioni viene usato spesso l’idrocortisone. Viene applicato localmente e può essere usato insieme ad altri trattamenti topici come per esempio Minoxidil.

Conclusioni

Sulla base di quanto scritto in questo articolo, potete perciò capire che, secondo il nostro parere, i farmaci ufficiali contro l’alopecia androgenetica funzionano e possono dare anche risultati rilevanti, ma occorre prima di tutto costanza e volontà ad attaccare il problema su più fronti possibili.

Infine va ribadita l’importanza di agire ai primi segnali e non aspettare che sia troppo tardi e la situazione sia ormai troppo avanzata.